Cerca
Close this search box.

La vedova Blu: Pino Pascali fotografato da Claudio Abate

Picture of Artsupp
Artsupp

La Vedova Blu di Pascali è una delle opere dell’artista pugliese fotografate da Claudio Abate e in mostra fino al 4 Giugno al Maxxi di Roma, all’interno della mostra Claudio Abate Superficie sensibile.

Pino Pascali

Pino Pascali nasce Bari nel 1935.

Nel 1956 si trasferisce a Roma, che diventa sua città adottiva e dove frequenta l’ambiente degli artisti attorno alla Galleria l’Attico.

Artista eclettico e poliedrico oggi è considerato come uno dei massimi esponenti dell’arte povera, insieme ad altri nomi noti tra i quali Boetti, Pistoletto, Kounellis, Merz, Mattiacci, Tacchi.

Muore prematuramente a seguito di un incidente in moto, proprio all’apice della sua carriera, nel 1968.

Pascali e l’arte autobiografica

Nella ricerca artistica di Pascali è essenziale capirne la componente autobiografica.

Trasferitosi insieme alla famiglia in Albania a causa del lavoro del padre, poliziotto, conobbe in prima persona la guerra che, attraverso la serie della armi, torna come tema ricorrente ma senza l’implicazione politica.

Pino Pascali, foto Claudio Abate

Pascali ripropone le armi, ma solo come il ricordo dei giochi di un bambino, “l’arte come arma puntata verso il mondo” , prendendo in prestito le parole di Picasso.

Per Pascali l’opera diventa un dispositivo per pensare cosa sia o non sia arte, per creare relazioni, attivare memorie, rifare la storia.

Vedova Blu: Pascali e la ricostruzione della natura

Pascali realizza la Vedova Blu nel 1965.

Si tratta di un gigantesco ragno.

Un animale strano, irreale, assurdo e fiabesco che fa parte dell’ultimo gruppo incompleto di oggetti di Pascali inclusi nella serie de “La ricostruzione della natura” in cui l’ artista ha rivolto la sua attenzione alla combinazione tra materiali industriali e forme organiche.

Pascali con la sua Vedova Blu, foto di Claudio Abate, 1965
Pascali con la sua Vedova Blu, foto di Claudio Abate, 1965

Ne “La ricostruzione della natura”, Pascali utilizza materiali di produzione industriale, come nylon, lana d’acciaio o pelo acrilico e con realizza mondi e creature altre.

Per la sua Vedova Blu, Pascali sceglie un materiale sintetico e ironizza sulla monumentalità e sulla natura “intoccabile” dell’opera d’arte classica, trasponendola nell’area della giocosità e dell’interattività.

Vuoi scoprire tutti i musei, le mostre e gli eventi a Roma? Clicca qui!

(Visited 327 times, 1 visits today)