Cerca
Close this search box.

La mostra su Pasolini a Roma: Tutto è santo

Picture of Artsupp
Artsupp

Il calendario di mostre a Roma per il 2023 è fitto. In qualsiasi periodo dell’anno, Roma propone una ricca programmazione culturale, dalle mostre di arte contemporanea, arte moderna e mostre di fotografia.

Ce n’è davvero per tutti! Per aiutarvi nella scelta, noi di Artsupp vi presentiamo la mostra su Pasolini a Roma: “Pasolini Tutto è santo Il Corpo Veggente” a Palazzo Barberini, in corso fino al 12 Febbraio. Se vuoi scoprire tutte le altre mostre in programma e in corso a Roma vai su Artsupp.com e scopri l’elenco completo delle mostre a Roma 2023.

La mostra su Pasolini a Roma

Pier Paolo Pasolini è in mostra a Roma nelle tre sedi di Palazzo Barberini, Palazzo delle Esposizioni e Maxxi. Nel centesimo anniversario della sua nascita (5 Marzo 1922), Roma ne celebra la vita e l’attività intellettuale in tre dei musei più importanti della città.

Copertina della mostra Pasolini tutto è Santo, Roma
Pier Paolo Pasolini TUTTO È SANTO

Pasolini TUTTO È SANTO Il Corpo Veggente a Palazzo Barberini fino al 12 Febbraio 2023

Fino al 12 Febbraio, Palazzo Barberini ospita Pasolini TUTTO È SANTO Il corpo veggente, una delle tre sezioni del progetto espositivo dedicato a uno dei più rilevanti intellettuali del novecento italiano, Pier Paolo Pasolini.

La mostra di Pasolini a Roma esplora il ruolo determinante della tradizione artistica nel cinema e nell’immaginario visivo dell’intellettuale, dai Primitivi al Barocco fino al realismo sovversivo di Caravaggio, e al tema del sacro, che, come ricorda il titolo dell’intera rassegna, rappresenta il fil rouge di questo percorso.

Pasolini TUTTO È SANTO Il corpo veggente, con le sue 140 opere, indaga trasversalmente tramite un “montaggio visuale” i temi ricorrenti nella ricerca dell’intellettuale italiano: il corpo, la figura e le immagini.

Foto di scena dal film La Ricotta di Pasolini
Foto di scena, La Ricotta

Pasolini e i grandi maestri del passato

Pasolini fin da quando era studente all’Università di Bologna rimane letteralmente folgorato dalle opere dei grandi maestri del passato e dalla loro capacità del rappresentare i corpi: Caravaggio, Pontorno e Michelangelo diventano per lui fonte di vera e propria ispirazione.

Le fotografie, i fotogrammi dei film, gli stessi libri di Pasolini sono sapientemente collocati in tutte le sale di Palazzo Barberini e dialogano con i grandi capolavori del seicento e del settecento conservati nel museo.

Il Narciso di Caravaggio a Palazzo Barberini
Narciso di Caravaggio

L’epilogo della mostra coincide con il Narciso di Caravaggio, poiché come spiegato anche dal curatore della mostra – Michele Mari – “Se c’è stato un autore che è stato veramente  narcisista nel Novecento italiano, è stato Pasolini”.

Non solo Palazzo Barberini … esplora la città di Roma!

(Visited 58 times, 1 visits today)