Search
Close this search box.

Processi 150 alla Reale Accademia di Spagna a Roma

Picture of Artsupp
Artsupp

La Real Academia de España, in concomitanza con i suoi 150 anni, dal 28 Giugno rinnova l’invito all’appuntamento annuale della mostra PROCESSI 150 realizzata dagli artisti e ricercatori in residenza nell’anno 2022 – 2023.

Come ogni anno, PROCESSI 150 è stata anticipata dalla giornata degli OPEN STUDIOS nel mese di Marzo.

In quell’occasione, il pubblico è stato coinvolto nella realizzazione del processo creativo che confluisce nella tappa conclusiva del soggiorno romano dei borsisti.

PROCESSI 150 è visitabile fino al 26 Agosto.

Ti ricordiamo che puoi visitare tanti musei, mostre e collezioni a Roma e in tutto il Lazio ottenendo sconti e riduzioni con l’Artsupp Card!

Clicca qui per scoprire tutti i vantaggi dell’Artsupp Card!

Processi 150

In Processi 150, le attività sviluppate sono diverse.

Si va dalle arti visive alla letteratura e alla storia, dall’architettura alla moda e alla musica con particolare attenzione sulla relazione con Roma e con la cultura italiana: dalle revisioni politiche contemporanee a un personaggio da riscoprire come Carla Lonzi, importante storica dell’arte prematuramente scomparsa, dai lavori di genere alle pratiche collaborative, dalle arti visive alla musica, dalla cultura istituzionale a quella prodotta nei quartieri di Roma e dalla società civile.

I borsisti

I borsisti 2023

Quest’anno i residenti alla Real Academia di Spagna sono 23: Ana Laura Aláez, Elvira Amor, Amelie Aranguren, Carla Boserman, Raquel Buj, Matías Candeira, Juan Antonio Espinosa, Marcelo Expósito, Fuentesal Arenillas, Hugdo Gómez-Chao, David H. Falágan, Abel Jaramillo, Ana Mina, Manu Muniategiandikoetxea, Juan Pedro Navarro Martínez, Itziar Okariz, Mariana Orantes, Mabi Revuelta, Luz Santos Rodero, Pilar Serrano Betored, Sara Torres-Vega, Andrea Valdés, Gabriel Villota Toyos.

Foto di Gilber Clavel, Juan Antonio Espinosa, 2023, Tecnica mista

L’Accademia di Spagna a Roma

L’ Accademia di Spagna viene ufficialmente fondata l’ 8 Agosto del 1873 grazie alla pubblicazione del decreto che ne stabiliva la creazione. Da quel momento in poi, il susseguirsi di generazioni di artisti che hanno alloggiato qui, sono stati la garanzia per la promozione dell’arte e della cultura Spagnola a Roma.

Nel 2023, ricorre il 150 anniversario della fondazione e l’ Istituzione ha ideato un programma commemorativo dedicato a coloro che sono i suoi veri protagonisti, gli artisti.

Se ti interessano anche tutte le altre mostre da non perdere 2023 a Roma e in tutte le altre città italiane, ti consigliamo i nostri approfondimenti:

Roma: le principali mostre 2023

Venezia: mostre da vedere nel 2023

Mostre a Napoli: quali vedere nel 2023

Torino: le mostre 2023

Mostre a Milano 2023: le cinque imperdibili

(Visited 157 times, 1 visits today)